Le Cronache Lucane

ANCORA RICONOSCIMENTI PER IL LIBRO DI BALDINETTI “

Continua a mietere successi, riscontri positivi, premi ed attestati al merito nei vari concorsi a cui ha partecipato il libro del giornalista scrittore di Melfi Antonio Baldinetti. Sono ormai ben oltre 50 per un libro che è occasione per una profonda riflessione, in questi tempi di pandemia e grandi timori, sulla forza dell’amore e sui valori che fanno parte della nostra tradizione, che dobbiamo riscoprire se vogliamo sperare di uscire da questo periodo buio della nostra umanità. Vita, famiglia, affetti, fede, rispetto per gli altri, esperienza e saggezza con i nostri anziani, non certamente un peso la loro presenza, ma anche amicizia vera, legalità, no a violenza sulle donne, integrazione ed altri temi che piacciono molto a lettori e critica, e sono essenza viva delle storie contenute in “Valori e Amore per un futuro migliore”.

Tutto come fosse una sorta di previsione, senza guardare nella sfera di cristallo, perché tali valori sono parte di se dopo averli ricevuti dai genitori, persi troppo presto, che lo stesso autore ha fatto tempo addietro e che, in questa fase, sono davvero attualissimi proprio per provare ad invertire la rotta rispetto al modus operandi di un uomo che, tra l’altro, non rispetta il prossimo, la natura, il mondo. “I lettori ma anche le giurie dei premi a cui il libro partecipa – ha confermato lo scrittore melfitano – apprezzano le mie storie e soprattutto i valori che in essa veicolo per portarli all’attenzione generale di chi non li considera più validi, utili, necessari, ma che ora si dimostrano essere unica nostra ancora di salvezza, per vivere le difficoltà del momento e poter sperare in un domani che sia migliore, per noi e le future generazioni, se sapremo trasferire loro gli stessi valori che sono il più grande tesoro ricevuto da nonni e genitori, come un abbraccio che oggi ci manca tanto”.

Dopo i recenti riscontri, Viareggio, Venafro, Albissola, Torino, Castelluccio, Cerignola, Varese, Como, Roma, al Quasimodo, in Calabria, in tal senso ecco il 3° premio assoluto, su ben 262 partecipanti, soli 2 punti dal secondo (160 contro 162) ricevuto dal libro alla 7^ edizione del Premio Letterario Città di San Giuliano Milanese, con premiazioni svolte in diretta Fb da Gino Marchitelli, mattatore della cultura italiana, presidente del Picchio, associazione che cura il Premio. “Per me un onore questo riconoscimento, a due punti dalla 2^ piazza di Ezio Gavazzeni di Milano e dietro il vincitore Giuliano Brantegani di Verona, due mostri sacri – ha aggiunto Baldinetti – e questo mi spinge a fare sempre di più e meglio, anche per le belle parole spese per me ed il libro dallo stesso Marchitelli, che l’ha definito un bellissimo viaggio attraverso le storie che in esso sono contenute per riscoprire quei valori che si sono un po’ perduti, ma che sono la nostra forza e che si dovrebbero riscoprire per vivere meglio, visto quello che stiamo attraversando che ci fa tanta paura”.

Ancora lo scrittore melfitano, che ha così concluso “per me, questo ed altri premi, oltre al sostegno della gente che mi legge e mi da forza, sono linfa per credere sempre nella volontà di diffondere cultura e messaggi forti con i miei libri, non solo con questo che raccoglie storie con all’interno i valori che possono farci crescere e migliorare, ma anche in vista del prossimo, a breve, ed il terzo libro sarà il mio primo romanzo completo, con una bellissima storia d’amore ed una missione da compiere per migliorare il mondo, attraverso il triste e puntuale racconto di dati, personaggi, eventi dell’annus horribilis 2020, fortemente caratterizzato dal coronavirus, da morti, paure, dati terribili, problemi, crisi economiche e sociali. Sono danni incredibili che possiamo provare a superare solo con la fede, la speranza, l’amore, come hanno saputo fare i nostri angeli, i nostri eroi, medici, infermieri, volontari, chi non si è risparmiato per gli altri e per il bene comune, e anticipo che proprio ai nostri eroi sarà dedicato il romanzo ma che è anche diario del 20”. Nella speranza che si possa tornare al più presto ad incontrare la gente, nei teatri, nelle piazze, in arene, all’aperto, perché la cultura deve crescere ed affermarsi sempre più con l’incontro con il pubblico, e lo stesso vale per i libri, ed autori e lettori non possono non condividere momenti di confronto e crescita se non ritrovandosi insieme!!

Le Cronache Lucane
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: