Le Cronache Lucane

SUI FONDI UE RISCHIO DISIMPEGNO PER 40MILIONI

Sono 38milioni e 579mila euro il fiume di denaro che, in quota Feasr, la Basilicata rischia di perdere per la regola del disimpegno automatico. La tagliola matematica sui fondi europei scatta il prossimo 31 dicembre. Il Feasr è la sigla che individua il Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale, mentre la regola N+3, quella del disimpegno automatico, prevede che le certificazioni alla Commissione europea devono essere presentate entro il 31 dicembre del terzo anno successivo a quello dell’impegno nell’ambito del relativo Programma. Constestualmente, la stessa regola, prevede il definanziamento delle risorse comunitarie non spese entro il triennio successivo all’annualità di riferimento. Definanziamento che comporta, inoltre, la parallela riduzione della quota di cofinanziamento nazionale. Il dato dei 38milioni e 579mila euro che la Regione rischia di perdere, emerge dall’ultimo report di Rete Natura che ha elaborato i dati, chiuso al 30 giugno scorso, forniti dall’Agenzia per le erogazioni in agricoltura (Agea). Ma non solo sviluppo rurale. Le tabelle analitiche del Ministero dell’Economia e delle Finanze, con i dati aggiornati al 30 giugno scorso, è l’ultimo report diffuso, certificano un certo fallimento del Dg Antonio Bernardo, Autorità di gestione dei programmi operativi Fesr Basilicata.

In linea generale sui Fondi Ue 2014-2020, data la regola N+3 che consente di utilizzare i fondi entro tre anni dall’impegno a bilancio, come prevedibile, c’è, nel rush finale della programmazione, una fisiologica accelerazione della spesa. Gli importi da spendere, però, sono rilevanti e la circostanza cozza con la già certificata, dalla Corte dei Conti di Basilicata, «scarsa capacità di spesa dell’amministrazione regionale. Sommando le quote del Fondo europeo per lo sviluppo regionale (Fesr) e del Fondo sociale europeo (Fse) le risorse stanziate per la Basilicata, inserita con Calabria, Campania, Puglia e Sicilia, nella categoria delle regioni meno sviluppate, ammontano ad oltre 840 milioni di euro. Non riuscendo, però, la Regione negli anni a raggiungere gli obiettivi di spesa, il Fondo ha subito una decurtazione. Circa 275milioni di euro sono stati spostati sul “Programma complementare Por- Basilicata”.

Al 30 giugno scorso, come certificato dal Ministero dell’Economia e delle Finanza, la Regione Basilicata sul Por Complementare ha fatto registrare un complessivo stato di avanzamento dello 0,55%. Come specificato dalla Corte dei Conti di Basilicata, i parametri utilizzati, anche a livello sovranazionale, per verificare la “capacità di spesa”, «sono quelli aventi ad oggetto il rapporto impegnato/ contributo totale e pagato/ contributo totale, e ciò in quanto il contributo totale rappresenta il necessario termine di confronto esterno “a monte” per verificare la dinamica della spesa “a valle”». Per la Basilicata il rapporto tra i pagamenti, 1milione e 500mila euro, e le risorse programmate, oltre 275milioni di euro, consegna il risultato di 0,55%. Mentre il rapporto, puramente indicativo, tra gli impegni, circa 15milioni di euro, e le risorse programmate, è pari a 5,58%. Allo 0,0% lo stato di avanzamento sul “Piano stralcio Fondo progettazione dissesto idrogeologico – Basilicata”. Risorse programmate pari a circa 6milioni di euro, pagamenti uguali a zero, mentre gli impegni ammontano ad oltre 3milioni di euro. Analizzando infine lo stato delle cose relativo ai Fondi Fesr ed Fse, la Regione Basilicata è ben al di sotto all’ancora agognato giro di boa, cioè il 50% dello stato di avanzamento. Il rapporto tra i pagamenti e il totale delle risorse programmate, considerando i complessivi oltre 841milioni di euro è pari a 37,49%. Nello specifico, al 30 giugno scorso, per il Fesr risultano pagamenti per circa 233milioni di euro, su un totale a disposizione di circa 550milioni di euro, stato di avamento al 42,42%, mentre per il Fondo Fse con circa 81milioni spese su un totale a disposizione di circa 289milioni di euro, lo stato di avanzamento è fermo a quota 28,11%.

 

 

Le Cronache Lucane
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: